LA GRANDE ESCURSIONE APPENNINICA IN MTB

La Grande Escursione Appenninica, GEA, è un’avventura in mountain bike in autonomia.
Chi parteciperà a Gea Bike Trail attraverserà la catena degli Appennini toscoemiliani da sud a nord, percorrendone il crinale attraverso 37 passi, 2 Parchi Nazionali, parchi regionali e aree protette, per un totale di 22.000 metri di dislivello, 95% fuori strada, di cui 60% su single track.
Unico, duro, spettacolare, selvaggio.
GEA BIKE TRAIL NON È UNA GARA, È UN’AVVENTURA IN MOUNTAIN BIKE IN AUTONOMIA.
PUOI PERCORRERLA QUANDO VUOI, BASTA ISCRIVERSI E PARTIRE.

UN TRAIL TRA NATURA E STORIA

A 32 anni dall’inaugurazione, nel 1984, ad opera di Reinhold Messner, la GRANDE ESCURSIONE APPENNINICA, è dal 9 luglio 2016 per la prima volta percorribile interamente in mountain bike.
Il tracciato originale, ciclabile al 60%, è stato completamente rimappato per essere percorso al 99% in bicicletta.
Attraverseremo tutto il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, decretato dall’UNESCO nel 2015 patrimonio dell’umanità. Oltre a questi la val Tiberina, il Mugello, il Parco dell’Orecchiella, e il Parco del Gigante, il Parco delle Alpi Apuane.
Percorreremo tutto il crinale degli appennini toscani, da Sansepolcro (AR) a Zum Zeri (MS), per 550 km e 22.000 m di dislivello, attraversando 9 parchi naturali.
Sarà un’avventura in autonomia, mai compiuta fino ad oggi, per i pionieri che vorranno mettersi alla prova in un contesto ambientale meraviglioso.
L’essenza del viaggio non è la meta, ma le sensazioni che si provano lungo il percorso.
Percorrere Gea Bike Trail in autonomia sarà un’esperienza unica e appagante.
Per vivere l’avventura non serve andare dall’altra parte del mondo, basta partire.
Un ultracycling mtb unico e inedito, un’avventura vera, a 2 passi da casa.

IL PERCORSO GEA BIKE TRAIL

Da Sansepolcro (AR) vicino al confine tra Toscana e Umbria, fino al passo dei Due Santi, località Zum Zeri (MS) al confine ligure.
Oltre 450 km, per oltre 15.000 metri di dislivello positivo.
37 passi, seguendo la linea delle montagne, senza mai abbandonarle, partendo dalle colline aretine fino alle montagne del Parco Nazionale delle foreste casentinesi, attraversando le greppe del Mugello e della val Bisenzio, per poi arrivare alle verdi montagne pistoiesi e il Parco Nazionale dell’appennino ToscoEmiliano, e alle maestose bianche Apuane.
L’appennino è una delle poche zone selvagge rimaste in Italia, dove i boschi ospitano ancora un’incredibile varietà di fauna selvatica.
I paesi dell’Appennino sono ricchi di ristoranti, locande e piccoli alberghi dove mangiare bene e dormire prima di ripartire per il passo successivo.
Il percorso è duro, a tratti molto e costringerà in alcuni punti a scendere dalla bici e spingere per alcune decine di metri, le strade asfaltate saranno pochissime, praticamente solo nei paesi attraversati, questo vi metterà alla prova fisicamente e mentalmente.
Le fonti lungo il percorso sono molto frequenti e i punti dove acquistare viveri e altri generi anche, ma servirà essere molto lucidi e gestire le proprie risorse per completare il percorso.
Le sensazioni che proverete, i panorami che ammirerete e l’arricchimento che ne riceverete ripagherà tutta la fatica spesa.
Il percorso ricalca per quanto possibile la traccia originale, discostandosi da essa nei punti dove il percorso non sarebbe stato ciclabile, in modo da renderlo percorribile con bici cariche. Ad ogni modo ci saranno punti o brevi tratti dove sarà necessario spingere la bici a piedi. Per la maggior parte il tracciato si snoda su percorsi montani, tra i 700 e i 2200 metri.
Il punto di partenza è la cittadina di Sansepolcro, facilmente raggiungibile da Arezzo dove transita l’A1 e la ferrovia.
Il punto di arrivo è la stazione sciistica di Zum Zeri, situata in posizione strategica, facile da raggiungere grazie alle autostrade A12 ed A15 che transitano poco distanti e che consentono un comodo accesso a quanti provengono dalla Liguria, dall’Emilia e dalla Toscana. Anche i mezzi pubblici rappresentano una valida alternativa, con la stazione ferroviaria della vicina Pontremoli dalla quale partono gli autobus di linea che conducono sino agli impianti di risalita.
Saranno date indicazioni ulteriori per il raggiungimento del punto di partenza ai partecipanti, per email.
Ci stiamo impegnando per organizzare un servizio di trasporto da Arezzo al il punto di partenza, e dall’arrivo alla stazione ferroviaria di Pontremoli.
Abbiamo conservato i punti tappa originali, dove troverete rifugi, alberghi e ristoranti attrezzati per viaggiatori.
Il percorso potrà essere modificato nei prossimi mesi in relazione alle condizioni dei sentieri.
La traccia definitiva sarà inviata ai partecipanti per email.

Per maggiori informazioni visita il sito: gea.bike.

Se ti piace, condividi!


La Community è presente sia sul nostro Forum sia sul nostro Gruppo Facebook.
Lascia il tuo Like sulla nostra Pagina Facebook per rimanere aggiornato su tutti gli eventi, articoli e news delle ruote grasse.
Vuoi ricevere tutte le NEWS?


Vuoi scrivere un articolo ufficiale su MtbMonza? Leggi come fare.
Vuoi inserire il tuo Evento/Manifestazione/Gara? Scrivici tramite il modulo Contatti.